Progetti di ristrutturazione: 10 consigli per evitare brutte sorprese

Le ristrutturazioni non sono mai semplici, imprevisti e intoppi sono sempre dietro l’angolo, ne so qualcosa anch’io. Però una volta terminati i lavori, la soddisfazione di vedere la propria casa come l’avevamo immaginata è una grande soddisfazione. Dalla redazione di Arredamento. it, l’architetto Sara Donzelli, grazie alla sua esperienza, ci dà 10 pratici consigli per affrontare i lavori di ristrutturazione con serenità!

SARA DONZELLI, REDAZIONE DI ARREDAMENTO.IT

L’acquisto di un immobile da rivisitare in chiave architettonica permette di immaginare la casa dei vostri desideri. Una ristrutturazione è sì creativa e stimolante, ma può risultare anche lunga e logorante se non affrontata con il giusto “equipaggiamento”.

Ecco dunque 10 suggerimenti furbi per iniziare il vostro percorso edilizio con il piede giusto.

1. Entrare in empatia con il tecnico

Il professionista è colui che vi seguirà dall’iniziale studio di fattibilità alla fine lavori, guidandovi passo passo in questo percorso ad ostacoli che è il progetto di ristrutturazione. Se attento a desideri ed esigenze, vi farà risparmiare tempo e denaro, evitando spiacevoli errori ed intoppi. Si interfaccerà con le imprese e ne coordinerà il lavoro, lasciandovi liberi da pensieri.

2. Un buon progetto è l’inizio di un ottimo risultato

Chi ben comincia è già a metà dell’opera, ciò vale anche nei progetti di ristrutturazione. Un’ottima programmazione preliminare, attenta all’architettura della casa, al vostro stile di vita, all’analisi delle funzioni, è sinonimo di una ristrutturazione a misura delle vostre aspettative.

progetto di ristrutturazione
In foto progetto preliminare per casa in montagna a cura dell’architetto Sara Donzelli.

3. Conoscere l’iter burocratico e le detrazioni fiscali

I lavori di ristrutturazione, in base alla normativa, rientrano in un determinato tipo di intervento edilizio e in una corrispondente pratica edilizia (CILA, SCIA, Permesso di Costruire) da presentare alle competenti autorità comunali. Conoscere il tipo di intervento guiderà verso le relative detrazioni fiscali: preziosi e concreti incentivi economici che aiutano a rientrare in parte dei costi sostenuti.

4. Evitare di sforare il budget

Conti alla mano, ecco la parola d’ordine. Un computo metrico estimativo composto dal costo dei lavori, dei materiali e delle spese tecniche evita brutte sorprese in corso d’opera. Certo, imprevisti e probabilità saranno degni del Monopoly ma ricordate che gli imprevisti non devono superare l’8-10% dell’importo dei lavori.

5. Confrontare più preventivi ma non guardare solo la cifra finale

Tre è il numero dei preventivi che bisogna avere sotto mano per scegliere l’impresa a cui affidare la ristrutturazione. Mai focalizzare l’attenzione solo sul prezzo in fondo al foglio, ma affidatevi anche al cv della ditta e alle persone che ispirano maggiore fiducia.

progetto di ristrutturazione

6. Abbinare con cura finiture, materiali e colori

Un perfetto progetto di ristrutturazione deve concentrarsi anche sugli accostamenti di materiali e colori, sui formati di finiture e su dettagli di stile per evitare stonature estetiche. Procuratevi campioni di prodotti, mazzette colori, scampoli di tessuti per valutare con mano affinità o dissonanze.
Dà vita a personali effetti decorativi la nuova carta da parati Le Bon Jardinier della linea Wet System di Wall&decò, rivestimenti impermeabilizzanti per cucine e bagni, in foto.

carta da parati cucina

7. Fare attenzione ai prodotti di fine serie

Rientrare nel budget significa anche valutare l’acquisto di finiture di fine serie, prodotti da outlet ed in offerta. In questi casi per non rimanere mai “a mani vuote” valutate l’acquisto di un quantitativo più che adeguato di materiale, per fare scorta di un prodotto che non troverete più sul mercato.

8. Puntare l’attenzione sul tipo di pavimento

Leitmotiv del mood stilistico della casa, il pavimento è la superficie orizzontale sulla quale si poseranno arredi e complementi, guai a sbagliarne la scelta! Seguire le tendenze ma anche la praticità è il miglior consiglio da dare.
Creano un effetto continuo le nuove lastre in gres porcellanato Grande di Marazzi, 6 mm di spessore, formati 120×120 e 120×240 cm. In foto il modello Marble look.

lastre gres porcellanato

9. Dare importanza dell’ergonomia dei sanitari

Intimo e personale, il bagno è uno degli ambienti più risonanti della casa con i suoi tanti elementi concentrati tutti in pochi mq. Dopo aver valutato le modifiche impiantistiche da apportare, focalizzate l’attenzione sulla forma e l’estetica dei sanitari, “arredi fissi” che vi accompagneranno a lungo.
Bordi sottili ed ingombri ridotti per il nuovo lavabo a colonna NudaSlim di Flaminia, in foto proposto nel particolare color Nuvola.

lavabo a colonna

10. Spendere tempo sulla scelta della cucina

Come il bagno anche la cucina necessita di varianti impiantistiche rilevanti dettate dalla messa a norma e dalla scelta degli arredi. Data l’alta spesa da affrontare, affidatevi ad un bravo rivenditore seguendo i suggerimenti del vostro tecnico.
Ha dettagli industrial chic con audaci accostamenti di materiali in perfetto stile newyorkese la nuova cucina Soho di Doimo Cucine, in foto.

scegliere la cucina

Lascia un commento