Piante o candele per decorare il bagno e la casa

Nell’arredare o ristrutturare una casa è fondamentale scegliere lo stile che più ci rappresenta e valorizzarlo con le decorazioni e gli accessori giusti. Lo vedo quotidianamente nel mio lavoro, quando nei set fotografici o negli showroom scegliamo oggetti e complementi per dare un determinato stile all’arredobagno, ma è un argomento che mi interessa molto anche a livello personale, in particolare ora che sto cercando idee e ispirazioni per la mia nuova casa. (leggi l’articolo sull’arredare in bianco e nero)

A questo proposito, nel sondaggio Q&A (che potete ricevere se vi iscrivete alla newsletter) vi ho chiesto se tra le vostre preferenze ci sono le piante da interno o le candele per decorare il bagno. La scelta è stata praticamente unanime: la stragrande maggioranza di voi ha votato per le piante, quindi questa è l’occasione giusta per affrontare la tematica. Devo dire che sono d’accordo con il risultato: oltre ad essere di tendenza, le piante verdi hanno il grande pregio di purificare l’aria. Vediamo quindi i pro e i contro di candele e piante e quali di queste ultime sono da preferire in bagno e, in generale, in casa.

decorare bagno con piante

Piante verdi o candele profumate

Non c’è dubbio, per decorare la casa le piante sono il trend del momento. Le piante ornamentali da appartamento vanno molto di moda, perché sono in grado di portare la natura e il verde in casa, cosa di cui molti di noi sentono il bisogno.

Nello specifico, le piante sono l’ideale per il bagno, dal momento che assorbono l’umidità e depurano l’aria. Per questo sono raccomandate dal feng shui: vi ricordate quanto sono importanti per arredare un bagno in stile zen? (leggi l’articolo sul bagno in stile zen)

Scegliendo la giusta specie e i vasi adatti, fiori e foglie possono arredare la casa portando una vitalità naturale e mai eccessiva. Certo, anche le candele (e i portacandele) sono perfette per decorare: con la loro varietà di forme e colori si possono adattare a diversi stili di arredo. Inoltre, le profumazioni sono tante: dalle classiche fragranze che prendono ispirazione dalla natura (come il muschio bianco, il gelsomino e la lavanda) a profumi complessi che ricreano interi scenari, con nomi evocativi come “brezza estiva” o “notti d’Oriente”. Le candele profumate sono utili per eliminare i cattivi odori, ma soprattutto creano effetti suggestivi e rilassanti attorno alla vasca da bagno, vicino alla doccia e in ogni ambiente della casa. In ogni caso la presenza di piante non esclude quella delle candele e viceversa, anzi, mixarle tra loro è sicuramente il giusto compromesso.

Piante per il bagno: quali sono le più indicate

Anche se le candele sono un’ottima idea per abbellire il bagno, le piante vincono su tutte. Ho chiesto aiuto ad un’amica stylist appassionata di piante e botanica per capire quali sono le specie più adatte e le soluzioni decorative più d’impatto. Di seguito i suoi consigli.

#1 PIANTE GRASSE

Non richiedono grandi cure e assorbono l’umidità: le piante grasse sono l’ideale per chi ama il verde ma non ha molto tempo da dedicare alla casa. Se non vi piacciono cactus e spine, potete scegliere le “succulente”, ne esistono di molte varietà e c’è solo l’imbarazzo della scelta. Possono essere appoggiate su una mensola o sul top del mobile oppure raggruppate per creare un bell’effetto d’insieme.

#2 PIANTE PENDENTI

Tra le piante pendenti (o rampicanti) da interno, le edere sono le più conosciute e le più diffuse: sono molto decorative perché scendono a cascata verso il basso, quindi sono belle posizionate su una mensola alta o in un vaso sospeso appeso al soffitto. Anche la felce può essere pendente e ha una caratteristica importante: vive in ambienti umidi e scarsamente illuminati, quindi resiste anche se avete un bagno in cui entra poca luce.

#3 PIANTE TROPICALI

Se avete molto spazio a disposizione, sono belle e sicuramente ornamentali anche le piante tropicali, come il ficus o il filodendro. Grandi e rigogliose, danno al bagno un tocco esotico e “jungle” senza richiedere troppe cure e attenzioni, luce e un po’ d’acqua sono sufficienti. Se vi piace il genere, ma il bagno è troppo piccolo, potete optare per mettere solo alcune foglie in un vaso: l’effetto è diverso ma originale. Se invece cercate qualcosa di colorato e resistente, l’orchidea da appartamento è il fiore che fa per voi e sta bene ovunque.

#4 PIANTE MINIMAL

In questa categoria vi elenco delle piante di piccole dimensioni ma dal grande effetto decorativo, che stanno molto bene in ambienti dal design moderno. Recentemente ho scoperto la Pilea, conosciuta anche come pianta delle monete cinesi per la bella forma rotonda delle sue foglie. Oppure, facile da reperire, è l’Asparagus, meglio conosciuto come asparagina, una pianta leggera e “piumosa”. Segnatevi anche la Tillandsia, una pianta senza radici che richiede davvero poche cure.

#5 PIANTE FINTE

Ho un consiglio anche per chi non ha il pollice verde: le piante finte. Attenzione, non mi riferisco alle imitazioni delle piante da interno in plastica, ma ai complementi in ceramica o altri materiali che replicano cactus o altre piante e sono oggetti di design divertenti e giovani.

Come far durare le piante da interno

“Parla alle piante e vedrai che cresceranno bene”, ha scherzato la mia amica stylist. In realtà, la maggior parte delle piante ha bisogno di ambienti luminosi e di acqua: a seconda della specie queste condizioni possono variare, ma in linea di massima sono le due regole di base che vanno rispettate. Se avete un bagno cieco e buio scegliete piuttosto piante finte e artificiali, come quelle che vi ho descritto sopra, o mettete in un vaso solo le foglie recise, decorano e si possono cambiare. Oppure optate per le carte da parati che riproducono motivi botanici o floreali. (leggi l’articolo sulle carte da parati per il bagno)

O ancora, invece delle piante verdi, scegliete le candele profumate da arredo! L’effetto decorativo è comunque assicurato, in bagno e nel resto della casa.

Lascia un commento