Linee guida feng shui per l’arredamento della casa

Arredare la casa senza l’aiuto di un professionista può essere complicato: la scelta dello stile, della disposizione degli arredi e dei complementi è una materia complessa di fronte alla quale potete trovarvi disorientati: è capitato anche a me, all’inizio, con l’arredamento della mia nuova casa. Ma esiste una filosofia proveniente dall’Estremo Oriente che può guidarci in queste operazioni: il feng shui. Questa pratica nata in Cina affascina molto anche gli occidentali, perché è associata ad uno stile di arredo simile al minimalismo. Senza pretendere di sviscerarla nella sua totalità e complessità, vi dò di seguito alcuni consigli, che a loro volta sono stati dati a me, per rendere equilibrato e armonioso l’arredamento della casa.

arredamento feng shui

Cos’è il feng shui

Il significato letterale di feng shui (o ka-so, in giapponese) è “vento e acqua”, i due elementi responsabili della vita sulla terra. Infatti questa disciplina, nata oltre 5000 anni fa, consiste in un insieme di pratiche per leggere gli spazi, siano essi paesaggi o stanze di una casa. Seguendo i principi di bellezza, armonia ed equilibrio, il feng shui indica come organizzare gli ambienti e gli oggetti al loro interno, in modo da eliminare i flussi negativi che possono influenzare la vita delle persone.

In particolare, secondo il feng shui la casa è il “contenitore dell’uomo”, l’edificio con cui esso ha un legame più stretto e che deve quindi adattarsi al suo carattere e al suo stile di vita. Affascinante, vero? Ora armiamoci di bussola e vediamo alcune regole per un arredamento feng shui.

feng shui colori posizioni

L’ingresso feng shui

Secondo il feng shui la porta d’ingresso della casa corrisponde alla bocca dell’uomo: attraverso l’ingresso si viene introdotti nel flusso di energia positiva della casa. Per questo è importante che la porta si apra verso l’interno e che, di fronte ad essa, non siano posizionate scale, bagni o specchi. Piuttosto che con uno specchio, il feng shui consiglia di decorare l’ingresso con dei quadri, che devono rappresentare elementi naturali, come paesaggi, fiori o animali. Da evitare immagini religiose e immagini che rappresentano armi, perché richiamano solitudine e violenza. Per quanto riguarda i colori dell’ingresso, il feng shui indica come appropriati il bianco, blu, il verde e il rosa.

ingresso feng shui

La cucina feng shui

La cucina è un luogo vitale, dove si svolgono attività quotidiane fondamentali come preparare i pasti e mangiare. Per assecondare l’energia presente in questa stanza, il colore più adatto è il giallo. Il feng shui pone delle regole molto stringenti per quanto riguarda il posizionamento della cucina: non deve essere vicina all’ingresso della casa e la porta per accedervi non deve trovarsi alle spalle di chi sta ai fornelli. Inoltre è indispensabile che la cucina sia ordinata: via oggetti superflui e decorazioni che è meglio riservare ad altre stanze della casa.

cucina feng shui

Il salotto feng shui

Il soggiorno è la stanza della casa in cui si accolgono gli ospiti e si trascorre del tempo in compagnia: la disposizione dei mobili e i colori devono quindi favorire le conversazioni e un clima familiare. Il divano deve essere posizionato vicino al muro e non deve rivolgersi verso aperture come porte e finestre, da dove potrebbero entrare flussi di energia troppo potenti. I colori più adatti ad un salotto feng shui sono il rosso e l’arancione.

salotto feng shui

Inoltre, con i giusti accessori, la zona giorno della casa può essere trasformata in una stanza relax fai da te: basterà aggiungere cuscini per la meditazione o da yoga e diffondere nella stanza alcune essenze per meditare, con incensi, diffusori e candele profumate.

essenze per meditare

Anche in salotto non deve mancare l’elemento dell’acqua: un’ottima idea è quindi introdurre un acquario. Oltre ad armonizzare l’ambiente, secondo il feng shui l’acquario è tra gli oggetti che portano ricchezza! Le regole? Disporlo sul lato est della casa (la direzione associata ai soldi) e popolarlo con pesci rossi che, stando alle credenze cinesi, sono in grado di attrarre il denaro.

acquario feng shui

La camera da letto feng shui

Ci avete mai pensato? La camera da letto è la stanza della casa in cui trascorriamo più tempo: di norma dalle 6 alle 8 ore consecutive. Va da sé, quindi, che il feng shui presti molta attenzione all’arredamento di questo ambiente.

Innanzitutto il feng shui tiene conto della posizione del letto, che deve essere disposto sul lato destro della stanza, opposto all’ingresso. L’orientamento ideale del letto è con la testiera verso sud e la pediera non dovrebbe mai essere rivolta verso una porta o uno specchio.

Una curiosità che non molti sanno: secondo il feng shui, gli spigoli dei mobili generano energia negativa, perciò è importante che non siano mai girati in direzione del letto. Infine, per la camera da letto, il feng shui consiglia colori tenui come l’azzurro e il bianco.

camera feng shui

Il bagno feng shui

Il bagno è il luogo in cui ci si prende cura di sé stessi, perciò deve essere luminoso e armonico. Il feng shui tradizionale si basa sul bilanciamento tra gli elementi della natura: acqua, terra, fuoco, metallo e legno. In bagno l’elemento prevalente è l’acqua, che va bilanciato con l’utilizzo di mobili in legno e di piante decorative: in questo modo otterrete un bagno in stile zen elegante e ricercato. Un accessorio perfetto per un bagno feng shui è… la musica! Portate un piccolo stereo o una cassa in bagno, immergetevi nella vasca e fate partire una compilation di musica orientale a basso volume: il relax è assicurato! Il colore perfetto per un bagno feng shui è il verde.

bagno feng shui

Altri spazi feng shui

Ci sono anche altri ambienti da tenere in considerazione. L’ufficio, ad esempio: che si tratti di una stanza all’interno di casa vostra o che si trovi in un altro edificio, potete arredarlo in modo da renderlo un posto armonioso che favorisce la concentrazione e la creatività. Le regole feng shui da tenere presenti in ufficio sono poche e facili da seguire: lavorate rivolti verso fonti di luce naturale come finestre e porte, tenete in ordine la scrivania e posizionate qualsiasi apparecchio elettrico ad almeno 50 cm di distanza da voi.

ufficio feng shui

Spostandoci all’esterno della casa, infine, troviamo il giardino. Perché rispetti il feng shui, è necessario che vi siano tutti gli elementi della natura: terra, roccia, legno e acqua. Se ne avete la possibilità, potete costruire una piccola fontana o uno stagno artificiale. Per quanto riguarda la vegetazione, il feng shui predilige quella spontanea; se si vogliono piantare alberi o fiori va bene, purché siano di stagione o sempreverdi, simbolo di longevità. Per decorare il giardino ci si rivolge alla natura: vanno usati sassi provenienti da mari o fiumi, preferibilmente in numero dispari, da disporre in modo ordinato in vari punti del giardino. Questi infatti, rappresentano dei veri e propri oggetti portafortuna per il feng shui.

Insomma, le regole da tenere a mente per ottenere la casa feng shui ideale sono tante, ma potete adottarne solo alcune per portare un tocco di Oriente in casa vostra, ovunque si trovi.

giardino feng shui

Lascia un commento