Le tendenze per il bagno dal Cersaie

Guido: tendenze per il bagno dal Cersaie 2018

Tra i tanti eventi dedicati al design, quello che aspetto con più impazienza è il Cersaie, l’appuntamento annuale con il design delle superfici e dell’arredo del bagno. Anche quest’anno non potevo mancare e devo dire che l’edizione 2018, appena conclusa, è stata ricca di spunti e idee interessanti. Il Salone Internazionale del Bagno di Milano aveva già anticipato una serie di tendenze che ho visto confermate a Bologna. Ecco quindi un piccolo riassunto di tutto ciò che andrà di moda nella prossima stagione.

Guido Cersaie 2018

Il rivestimento è oversize

Colori, carte da parati, trame ed effetti materici: le pareti non sono più semplici sfondi ma diventano protagoniste dell’ambiente. Come? In tanti modi. Cominciamo da quello che personalmente mi ha colpito di più: i pannelli in ceramica. Mi riferisco ai pannelli oversize, che rivestono le pareti, con uniformità, creando un’unica grande area di forte impatto visivo. Questi pannelli possono imitare altri materiali, come il legno o il marmo. L’idea è che i rivestimenti tipicamente riservati ai pavimenti risalgano lungo le pareti e acquistino nuova importanza. Non solo effetti marmo, quindi, ma anche pannelli effetto parquetche si intrecciano sui muri e pavimenti “alla veneziana” che si prestano a decorare porzioni di parete.

Carte da parati, che passione!

Un trend che molti pensavano fosse passeggero e invece resiste, anzi acquista sempre nuova forza. Le carte da parati hanno conquistato la casa, bagno compreso, e ho approfondito l’argomento anche in un precedente articolo. Al Cersaie rivestivano intere pareti oppure alcune zone, come ad esempio l’interno della doccia. Grazie alle carte in fibra di vetro, impermeabili e resistenti al calore, si può infatti usare questo tipo di rivestimento anche nella stanza più umida della casa e trasformare le pareti del bagno in vere e proprie tele d’artista, decorate nei modi più diversi: dalle fantasie geometriche a vere e proprie illustrazioni, la scelta è praticamente infinita e ognuno può trovare la propria personale soluzione.

Maioliche in versione moderna

Dopo la carta da parati, un altro grande ritorno che strizza l’occhio alla tradizione mediterranea adattandola ai contesti moderni. Sto parlando delle maioliche, le classiche piastrelle smaltate in ceramica o terracotta. La decorazione che va per la maggiore è quella che si rifà ai motivi geometrici di Vietri o degli azulejos portoghesi. Nel bagno, questi rivestimenti caratterizzano alcuni punti strategici: possono interessare la parete dietro la vasca o il lavabo, oppure creare fasce che corrono lungo il muro o disegnano percorsi sul pavimento. Le loro fantasie accostate liberamente creano un risultato molto ricco e vivace.

maioliche Cersaie

Superfici da vedere e da toccare

L’arredo bagno sperimenta e lo fa soprattutto con i materiali: grès, HPL, ecomalta e simili vengono utilizzati sui mobili e sui lavabi e grazie alla loro versatilità permettono di imitare i materiali naturali, senza doversi preoccupare della loro delicatezza o del loro costo. Sono talmente tanti e diversi che ne ho parlato in due articoli, uno sui materiali innovativi e uno sugli effetti marmo. Uno degli effetti più richiesti è il legno, che porta una particolare naturalezza in un ambiente che, per ovvi motivi di praticità, a volta ne è privo.

Oltre alle venature, i nuovi materiali riescono a riprodurre fedelmente, a livello sia visivo che tattile, la consistenza della pietra e la varietà del marmo. Molte aziende provano nuove matericità ottenendo effetti particolari e insoliti per l’arredo bagno.

Il lato trendy di lavabi e sanitari

Un’altra tendenza che viene dallo stile vintage riguarda sanitari e lavabi, che abbandonano la classica ceramica bianca per abbracciare il colore. Dai toni pastello ai colori più scuri, la tendenza è l’effetto opaco. Dal bidet al wc, dal lavabo al piatto doccia: tutto è coordinato. Anche gli elementi più funzionali dell’arredo bagno scoprono il loro lato trendy e modaiolo.

Oltre alla tinta unita, i lavandini vestono nuovi stili grazie ai materiali di nuova generazione, che permettono di riprodurre effetti naturali, come il marmo, ma anche insoliti e divertenti, come l’effetto “terrazzo alla veneziana”, che dai pavimenti si sposta sul lavabo.

lavabi bagno

Rubinetteria che arreda

Il design dell’arredo bagno gioca anche con la rubinetteria: si diverte a sperimentare con forme nuove e bizzarre, ma anche con le finiture. Anche qui, in sintonia con lavabi e sanitari, emergono il colore e l’effetto matt o spazzolato. Dai miscelatori ai soffioni doccia, le tonalità più in voga vanno dal prezioso gold fino all’attualissimo nero.
Il Cersaie, quindi, ha confermato e introdotto nuove tendenze: qual è quella che preferite?

 

Lascia un commento