La cucina anni ’50: il fascino vintage che conquista sempre

Oggi entriamo in cucina, nel cuore pulsante della casa: che ci si ritrovi impegnati tra i fornelli a cucinare oppure seduti attorno al tavolo per mangiare, questo ambiente resta sempre uno tra i più vissuti. Per molti di voi lo sarà diventato ancora di più in questo periodo in cui ci ritroviamo a dover vivere maggiormente gli spazi della casa, ma lo era sicuramente anche negli anni ’50, gli anni del fatidico dopoguerra animati da una forte voglia di ripresa e rinascita in tutti i settori. E su questa scia, anche il mondo dell’arredamento e del design ha volto lo sguardo verso le novità, affermandosi all’epoca e tornando di moda oggi.

Infatti, lo stile vintage della cucina continua ad affascinare per alcune sue caratteristiche. Siete curiosi di scoprire gli ingredienti per ricreare una cucina dalle atmosfere anni ’50? Ecco alcuni consigli.

#1 Arrotonda tutto

Negli anni ’50 entrano in cucina linee sinuose, forme arrotondate e volumi bombati a caratterizzare gli arredi e gli accessori, ma anche il design degli elettrodomestici (come il forno e l’immancabile frigorifero) che cominciano ad essere presenti nella quotidianità delle persone rivoluzionando le loro abitudini domestiche.

Queste forme addolcite si integrano bene anche oggi in cucine dallo stile più moderno, dove la base è inscritta in una linearità più minimal e rigorosa, ma se dosate in modo equilibrato si può creare un mix e match sicuramente interessante.

cucina moderna ispirata design anni 50 colore rosa
Fonte: archiproducts.com

Gli elettrodomestici, come appunto il frigorifero ed il forno, possono essere anche posizionati liberamente e non ad incasso, come nell’immagine, a richiamare il carattere di componibilità che caratterizzava l’arredamento anni ’50 delle cucine.

cucina moderna stile vintage con frigo bombato
Fonte: Pinterest

#2 Mixa i materiali

In una cucina in stile anni ‘50 ritroviamo il legno ma anche materiali particolari, come la formica, che veniva utilizzata per i tavoli. Molto diffuso anche il metallo, specialmente per le maniglie e le strutture di tavoli e sedie.

 

#3 Aggiungi il colore

L’arredamento delle cucine anni ’50 è colorato. Il colore è un ingrediente che potete usare sulle pareti ma anche per gli arredi di una cucina in stile vintage: optate per tonalità pastello, come ad esempio il rosa (colore che in questi ultimi anni ha saputo conquistare tutti i settori, dalla moda al design, quindi è sempre di tendenza), il beige o il verde menta.

cucina vintage colori pastello
Fonte: Pinterest

La cucina si veste di vivacità, talvolta anche con qualche colore un po’ più carico, come il rosso, che ci rimanda subito allo stile delle cucine all’americana, quello delle tavole calde di “Happy Days”. Inoltre per completare il quadro cromatico, potete osare anche con un pavimento a scacchi black & white, come quello nella foto.

cucina stile anni 50 colorata verde e rosso e pavimento a scacchi
Fonte: Pinterest

#4 Crea spazio

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di prevedere tra gli arredi anche l’inserimento di un bancone con penisola o un’isola centrale, corredate da sgabelli. Una caratteristica di ispirazione più americana, che sicuramente aggiunge stile e anche funzionalità.

cucina stile anni 50 con bancone e sgabello rossi
Fonte: Pinterest

E per contenere tutto ciò che vi serve, vi suggerisco di non dimenticare un bel mobile credenza o una madia con tanti cassetti da riempire o ripiani con ante in vetro per esporre.

Lascia un commento