FOCUS BONUS MOBILI 2021

A proposito di casa e ristrutturazioni c’è una buona notizia, ovvero anche per l’anno in corso è stato approvato il Bonus Mobili ed Elettrodomestici che agevola l’arredamento di casa.

bonus arredo 2021
Fonte: arcombagno.com

In questo nuovo articolo ho cercato di riassumere molto brevemente le informazioni principali e le novità che potrebbero esservi utili se state pensando di acquistare mobili ed elettrodomestici per rinnovare gli ambienti di casa, compreso ovviamente l’arredo per rifare il look alla stanza da bagno. Agli interessati quindi non mi resta che augurare…buoni lavori!

arredo bagno stile total white
Fonte: arcombagno.com

In che cosa consiste il Bonus Mobili ed Elettrodomestici?

In realtà, non è la prima volta che ne parlo qui nel blog, chi di voi mi segue da tempo sa che mi sono interessato a questo argomento già un paio di anni fa, quando avevo in previsione un intervento di ristrutturazione nel mio appartamento.

La funzionalità del bonus rimane la stessa di sempre: interessa sia l’acquisto di mobili nuovi, sia di grandi elettrodomestici (nota da tenere in considerazione in questo caso è la classe energetica che non deve essere inferiore alla A+, oppure essere classe A o superiore se si tratta di forni e di lavasciuga). Inoltre tra le spese che si possono detrarre sono incluse anche quelle di trasporto e di montaggio.

Lo so che vi state chiedendo, allora cosa c’è di nuovo. Ebbene, la novità 2021 riguarda la variazione del tetto di spesa, su cui va calcolata la detrazione fiscale, che si eleva da 10.000 a 16.000 euro. Per quanto riguarda il rimborso è riconfermato al 50% e viene ripartito poi in 10 quote annuali di pari importo.

Quando si può richiedere il bonus?

Altro quesito fondamentale: per poter usufruire dell’agevolazione bisogna aver sostenuto una ristrutturazione edilizia, in sostanza questo significa che i mobili e gli elettrodomestici che acquistate devono servire per arredare un immobile ristrutturato. Va detto però, che l’acquisto dei beni non è vincolato all’arredo della stanza che è oggetto di ristrutturazione. Sono esclusi dalla richiesta di bonus l’acquisto di porte, pavimentazioni, tende e tendaggi ed altri complementi di arredo.

Premesso ciò, l’altro punto importante è quello relativo alla data d’inizio dei lavori di ristrutturazione, che dovrà essere documentata come richiesto, e precedere quella di acquisto dei beni. Attenzione, non stiamo parlando della data in cui viene sostenuta la spesa bensì quella di avvio dei lavori.

Nella normativa ufficiale (trovate il link in fondo all’articolo) trovate comunque riportate tutte le tipologie di intervento ammesse per beneficiare dell’agevolazione, suddivise tra manutenzione straordinaria e ordinaria.

Incentivi 2021: bonus risparmio idrico

Per concludere vi anticipo che oltre alle agevolazioni sopra citate, si aggiunge anche la possibilità di richiedere il bonus risparmio idrico, un contributo che si estende fino alla copertura di una spesa di 1000 euro valido fino al 31 dicembre 2021.

lavandino con rubinetteria

Un incentivo dedicato al risparmio idrico che si realizza con l’installazione di sanitari, rubinetteria e miscelatori che regolano la portata d’acqua. Interessante quindi per chi si appresta a ristrutturare locali come cucina e bagno per renderli più efficienti. Al momento le modalità per ottenerlo non sono però ancora state definite in quanto in attesa di specifico decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

 

Concludo riportandovi, il link dedicato al bonus Mobili ed Elettrodomestici del sito dell’Agenzia delle Entrate, dove trovate una guida dettagliata che vi permetterà di approfondire ulteriormente l’argomento e di capire come poter usufruire di questa opportunità.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.