Carta da parati per il bagno

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

Carta da parati per il bagno

La carta da parati è tornata e alla grande. Non solo, è qui per restare ancora per molto tempo. Ripescata qualche anno fa dai vecchi salotti anni ’70 delle nonne e delle zie, nell’ultimo periodo ha subìto un restyling eccezionale: nuovi materiali, prestazioni aumentate e design da veri trend setter ne hanno fatto un must have irresistibile per la casa del momento. Come imprenditore, già qualche anno fa ho voluto aggiungere le carte da parati alla collezione di accessori e complementi per l’arredo bagno. Il bagno è una stanza particolare, bisogna ad esempio considerare l’umidità, ma questo non deve impedirci di decorare le pareti con quello che più ci piace.

Non vi ho ancora convinti? Ci riprovo: dimenticate le carte da parati in cellulosa o in tessuto. Come ho già detto, quelle del nuovo millennio sfruttano materiali innovativi e hanno uno stile (o meglio una miriade di stili) molto alla moda.

Carte da parati in bagno: i materiali migliori

Lo so, la parte più divertente è scegliere il design e le grafiche. Ci arriviamo, ma prima voglio parlarvi un po’ dei materiali.

Quando decidiamo di rivestire le pareti di un ambiente umido come il bagno, chiaramente, non possiamo scegliere la tappezzeria tradizionale.

Se la stanza è abbastanza arieggiata, vi suggerisco la carta in vinile. Si tratta di una copertura in due strati: una base in cellulosa o in tessuto e un rivestimento in vinile. È una carta da parati impermeabile e lavabile, che si applica facilmente anche su superfici irregolari. Inoltre la parte esterna può essere lavorata per ottenere effetti tattili molto interessanti.

Ma se temete l’umidità e volete essere certi della tenuta, vi consiglio la carta da parati in fibra di vetro. È un materiale innovativo, in cui il vetro viene “tessuto” a temperature altissime, in modo da creare un rivestimento idrorepellente, tanto da poter essere usato anche all’interno dei box doccia e persino sul pavimento.

Un vestito nuovo per le pareti del bagno

La carta da parati è molto più che una decorazione: è una vera e propria dichiarazione di stile, che può rivoluzionare il vostro bagno.

Tra le fantasie più in voga del 2018 ci sono le stampe a fiori o naturalistiche. In questa categoria rientra anche lo stile jungle, che continua a piacere molto.

Per chi invece vuole amplificare l’effetto old style della carta da parati, una stampa un po’ seventies abbinata a un arredo minimal può dare un risultato insolito e originale. Per un effetto vintage che non “fa vecchio”, anzi.

Se invece siete amanti dell’arredo moderno, come me, buttatevi su una stampa geometrica. Le scelte non mancano, perché le geometrie vanno fortissimo quest’anno. Potete sceglierle macro, per un effetto scenografico, oppure micro per uno stile più elegante. Tra le mie grafiche preferite ci sono le carte da parati a righe, un grande classico riletto con un occhio contemporaneo. Ma anche le grafiche effetto 3d sono molto interessanti e sono perfette soprattutto nei bagni piccoli, per far sembrare lo spazio più ampio.

Infine, se volete rinnovare un bagno completamente bianco (e un po’ noioso) puntate su stampe artistiche e particolari: cartine geografiche del mondo, fotografie, animali o il sempreverde stile inglese. Anche accostate alle piastrelle, queste carte da parati riusciranno a trasformare un bagno banale in un capolavoro di stile.

E ora veniamo al prezzo

Ovviamente, dipende. Dalla metratura, dal materiale, dalla grafica. Oggi molti produttori di carte da parati commissionano collezioni ad artisti e designer famosi e queste, naturalmente, hanno un prezzo maggiore. Ma trovare una bella carta da parati ad un costo accessibile non è impossibile. Il mio consiglio, comunque, è di non risparmiare sulla qualità del materiale: il rischio è di trovarsi nel giro di pochi mesi con un effetto “adesivo scollato”.

Quindi, se state pensando di cambiare look al vostro bagno ma non volete spendere tempo e soldi in una ristrutturazione completa, puntate sulle carte da parati. Sbizzarritevi abbinandole tra loro e con gli arredi e stupite tutti con un bagno unico e inimitabile.

Io mi sono già lasciato tentare. Ora tocca a voi.

Lascia un commento