Arredi minimal per una casa dallo stile essenziale

Less is more è lo slogan per eccellenza dello stile minimal. Uno stile che, al contrario di altri, non è il prodotto di strategie di marketing, ma di un vero e proprio movimento di cui il maggior esponente è considerato l’architetto e designer tedesco Mies Van Der Rohe che ha interpretato il minimal anche negli esterni delle case che ha progettato.

Arredi Minimal - Farnsworth House
Fonte: Pinterest

Il minimalismo nasce negli anni Sessanta nel mondo dell’arte per poi influenzare anche la moda, l’architettura e il design: ridurre diventa la parola d’ordine. Proprio nel 1965 è stato coniato anche il termine “minimal” o “minimalismo” dal filosofo inglese, Richard Wollheim, che scrisse un articolo intitolato “Minimal Art” su questa tendenza.

Anche se il termine minimal esprime chiaramente a cosa si fa riferimento, è importante chiarire il significato di “stile minimal” nell’ambito dell’arredamento perché spesso viene utilizzato in modo non corretto: minimale non è semplicemente uno spazio piccolo con pochi arredi, è piuttosto un ambiente essenziale nel design, nella disposizione degli arredi, negli abbinamenti di colori, nella quantità di elementi. Quindi non è detto che un monolocale sia minimal nello stile e, viceversa, uno spazio grande può essere minimalista.

Lo stile minimalista è il mio preferito e ho cercato di interpretarlo anche a casa mia: arredi indispensabili, armadi a scomparsa, contrasti cromatici di bianco e nero, design geometrici e lineari, nessuna maniglia applicata, pochi complementi d’arredo. Nella foto, la mia cucina essenziale black & white.

Cucina in stile minimal

In questo articolo vediamo come ottenere uno stile minimal stanza per stanza con le soluzioni che mi piacciono di più.

La cucina minimal

Come già detto, minimal non è sinonimo di piccolo: in cucina l’arredamento minimalista si esprime anche con arredi maxi, come nella foto. Nell’isola centrale c’è tutto: zona lavello, piano cottura e spazio per contenere. Le colonne multifunzionali quasi non si vedono e formano una parete continua dietro l’isola. Più minimal di così!

cucina arredamento minimal
Fonte: Pinterest

Ovviamente se la cucina è piccola è consigliato scegliere uno stile minimal, anche colorato ma pur sempre minimal, perché l’essenzialità degli elementi non sovraccarica lo spazio e lo fa sembrare visivamente più ampio.

cucina minimal
Fonte: Pinterest

Inoltre, per essere minimal l’arredamento non deve necessariamente essere bianco, con colorazioni neutre o con un solo colore pieno: l’arredamento minimal può essere in legno. Anzi, le venature sono perfette per chi ama lo stile minimal ma teme che possa risultare troppo freddo.

arredamento minimal cucina
Fonte: Pinterest

Un’anta in legno incorniciata da un profilo sottile ed è subito arredamento minimal giapponese.

arredamento minimal giapponese
Fonte: Pinterest

Il salotto minimal

In una casa minimal, ovviamente anche il salotto è minimale. Partiamo dal divano, l’arredo principale del living: per seguire questo stile, vi consiglio un divano modulare, che non ha una struttura fissa e può essere composto e scomposto a seconda delle esigenze, come quello nelle foto. Anch’io l’ho scelto per il mio salotto.

divano minimal
Fonte: livingdivani.it
divano modulare minimal
Fonte: livingdivani.it

Per completare l’arredamento del salotto e aggiungere contenimento, possiamo accostare a un divano modulare, dei pensili a tutta altezza e invisibili che diventano la parete stessa, come già visto per la cucina. Oppure si possono creare composizioni geometriche combinando tra loro basi e pensili. In entrambi i casi l’effetto sarà minimal.

salotto minimal
Fonte: Pinterest
arredamento minimalista
Fonte: Pinterest

La parete attrezzata può essere sostituita anche da una madia che, oltre a essere piano di appoggio, con la sua varietà di misure, forme e colori arreda con stile qualsiasi spazio.

madia moderna minimal
Fonte: Pinterest
madia minimal
Fonte: lago.it

Una precisazione: lo stile minimal si traduce in arredamenti moderni ma si adatta perfettamente anche a interni e architetture dal gusto classico. In questo caso l’arredamento minimal diventa molto elegante e chic.

arredamento minimal chic
Fonte: Pinterest

La camera da letto minimal

La camera da letto può essere considerata la stanza più minimal della casa, perché, a differenza di altri ambienti dove alcuni arredi sono indispensabili per la loro funzionalità, in camera è sufficiente che ci sia il letto.
Un’interpretazione moderna e geometrica del baldacchino, dà forma a letti minimal, come quelli nelle foto, che arredano lo spazio senza bisogno di aggiungere molti altri elementi.

letti minimal
Fonte: Pinterest

Una camera da letto essenziale può essere realizzata anche con un letto sospeso abbinato a comodini sospesi. Se c’è spazio per l’armadio, una soluzione minimal è in nicchia o comunque a scomparsa, senza maniglie a vista.

camera da letto minimal
Fonte: Pinterest
comodini sospesi
Fonte: Pinterest

Il bagno minimal

Come già detto, se il design è minimal non vuol dire che lo siano le dimensioni e non significa nemmeno che all’interno di un ambiente ci siano meno arredi. Il bagno si compone solitamente di un mobile, uno specchio, una vasca o una doccia, i sanitari: a seconda del loro aspetto e di come vengono disposti lo stile può essere più o meno minimal.
Più semplice da far vedere che da spiegare! Per la collezione Gold di Arcom, abbiamo voluto creare degli ambienti bagno in stile minimal per mettere in evidenza la modernità della finitura in laccato e il dettaglio dell’apertura a gola. Il primo ambiente è total white con oggetti tono su tono, un top lineare, una base sospesa e due specchiere senza profili.

bagno minimal
Fonte: arcombagno.com

Lo stile minimal può essere anche colorato, l’importante è scegliere uno o al massimo due colori, senza esagerare.

bagno minimal Arcom
Fonte: arcombagno.com

La doccia minimal ha profili molto sottili e ante tutto vetro… anzi è ancora più mimimale senza ante, come nella foto.

bagno minimal
Fonte: arcombagno.com

Come si decorano gli spazi in un ambiente minimal? Io seguo una regola: togliere. Anche gli spazi vuoti, se ben studiati, possono diventare decorativi.

accessori minimal
Fonte: arcombagno.com

Lascia un commento